Manufatti fittili e indicatori per la tessitura dal territorio di Acquaviva delle Fonti

di

La Municipalità di Acquaviva delle Fonti (BA), nel 1998, intese promuovere la conoscenza delle aree di interesse storico-archeologico del proprio territorio, per definirne il Piano Regolatore Generale e determinare il programma di intervento volto alla tutela e alla promozione del comparto paesaggistico comunale (fig. 1). Nell’ambito dello studio urbanistico di disaggregazione1 degli spazi rurali fu dunque avviato il preliminare censimento dei siti archeologici realizzato mediante sopralluoghi mirati nel territorio e applicati ad aree ritenute potenzialmente rilevanti sulla base di indicazioni attinte alla storiografia disponibile2.

Puglia centrale, carta fisica schematica: territorio comunale di Acquaviva delle Fonti.
 Fig. 1. Puglia centrale, carta fisica schematica:
territorio comunale di Acquaviva delle Fonti.

La ricerca sul campo interessò complessivamente quindici settori, previde la raccolta dei reperti in superficie e si realizzò in modo da garantire la copertura uniforme e il successivo controllo come dei contesti indagati così di altri quattro progressivamente indiziati (tab. 1), in modo da stabilire infine la perimetrazione di dodici areali di interesse archeologico inquadrabili nell’arco cronologico compreso tra Paleolitico Superiore e Altomedioevo3.

Tabella 1. Acquaviva delle Fonti, territorio. Elenco delle aree ricognite nel 1998 (nn. 1-15) e individuate nel 2013-2014 (nn. 16-19): in corsivo, gli ambiti che non hanno rivelato evidenze di interesse archeologico (da Busto 1998, tab. 1, con integrazioni).
Tabella 1. Acquaviva delle Fonti, territorio. Elenco delle aree ricognite nel 1998 (nn. 1-15) e individuate nel 2013-2014 (nn. 16-19): in corsivo, gli ambiti che non hanno rivelato evidenze di interesse archeologico (da Busto 1998, tab. 1, con integrazioni).

In tale quadro si inserisce il progetto di archeologia dei paesaggi murgiani, condotto dal 2014-2015 dall’Università degli Studi di Bari Aldo Moro d’intesa con gli Uffici periferici del MiC, calibrato nella fattispecie sul comparto indicato e volto a valorizzare, in uno con l’Amministrazione Comunale, gli esiti sia degli interventi sul campo pregressi sia di auspicate e ora pianificate campagne di ricognizione topografica4. La finalità è costruire un impegno di pianificazione strategica e di corretta rivalutazione del palinsesto territoriale, sollecitando un solido dialogo tra enti locali e istituzioni preposte alla ricerca e alla tutela, impostando strumenti condivisi e aperti di archiviazione e gestione delle conoscenze, stimolando nella comunità locale ‘coscienza di luogo’ e ‘consapevolezza identitaria’, agevolando l’adozione di buone pratiche – anche con finalità di formazione diffusa e di turismo sostenibile – nell’applicazione degli strumenti di gestione paesaggistica esperiti su scala in primis regionale5 (fig. 2).

Acquaviva delle Fonti, immagine satellitare del territorio comunale: indicazione dei siti valutati negli ‘areali topografici’ censiti. Secondo la disamina elaborata in Fioriello c.s., si propongono la consistenza archeologico-funzionale (Ns=Non sito; Fr=Frequentazione; To=Tomba; Ne=Necropoli; Pe=Percorso; Ri/Gr=Riparo/Grotta; Cp=Capanna; Ag=Agglomerato; Ca=Casa; Fa=Fattoria; Nd/Vi=Nucleo demico/Villa; Vl=Villaggio; Ec=Edificio di culto), l’excursus cronologico (A=Paleolitico Superiore; B=Epigravettiano; C=Bronzo generico; D=Bronzo Medio-Finale; E=Bronzo Finale-Ferro; F=Arcaico-Classico: VII°- V° s. a.C.; G=Ellenistico: fine IV°- III° s. a.C.; H=Tardorepubblicano: II°- I° s. a.C.; I=Imperiale: I°- III° s. d.C.; J=Tardoantico: IV°-VII° s. d.C.; K=Altomedioevo: VII°- X° s. d.C.) e la affidabilità euristica di profilo buono (certo–probabile) oppure limitato (possibile–incerto): 1. Baronaggio: Fr/G . Fa/I . Fa/J – 2. Barbato: Fr/G – 3. Curto Martino: Ri/A . Fr/A – 4. Cece Nero: Fr/F . Ns/K – 5. Conetto Cp/D . Ca/F . Cs/G . Cs/H . Fr/I . Fa/JL – 6. Graviglione: Fr/D . Ns/K – 7. Malano: Ne/G . Ca/H . Vi/I . Vi/J . Fr/K – 8. Il Monte: Ca/C . Fr/G . Fr/I . Fa/J] – 9. Salentino: Fr/D . Cp/E . Nd/F . Vl/G . Pe/G . Fr/H . Fr/I . Fa/J . Ne/J . Pe/K • Ec/K – 10. San Benedetto - La Molignana: Fr/D . Fr/I . Fa/J . Ne/K] – 11. San Martino-Ventauro: Ag/E . Vl/F . Vl/I . Fa/H . Ca/I . Nd/J] – 12. San Marco-Mofetta: Cp/C . Fa/J.
 Fig. 2. Acquaviva delle Fonti, immagine satellitare del territorio comunale: indicazione dei siti valutati negli ‘areali topografici’ censiti. Secondo la disamina elaborata in Fioriello c.s., si propongono la consistenza archeologico-funzionale (Ns=Non sito; Fr=Frequentazione; To=Tomba; Ne=Necropoli; Pe=Percorso; Ri/Gr=Riparo/Grotta; Cp=Capanna; Ag=Agglomerato; Ca=Casa; Fa=Fattoria; Nd/Vi=Nucleo demico/Villa; Vl=Villaggio; Ec=Edificio di culto), l’excursus cronologico (A=Paleolitico Superiore; B=Epigravettiano; C=Bronzo generico; D=Bronzo Medio-Finale; E=Bronzo Finale-Ferro; F=Arcaico-Classico: VII°- V° s. a.C.; G=Ellenistico: fine IV°- III° s. a.C.; H=Tardorepubblicano: II°- I° s. a.C.; I=Imperiale: I°- III° s. d.C.; J=Tardoantico: IV°-VII° s. d.C.; K=Altomedioevo: VII°- X° s. d.C.) e la affidabilità euristica di profilo buono (certoprobabile) oppure limitato (possibileincerto): 1. Baronaggio: Fr/G . Fa/I . Fa/J – 2. Barbato: Fr/G – 3. Curto Martino: Ri/A . Fr/A – 4. Cece Nero: Fr/F . Ns/K – 5. Conetto Cp/D . Ca/F . Cs/G . Cs/H . Fr/I . Fa/JL >– 6. Graviglione: Fr/D . Ns/K – 7. Malano: Ne/G . Ca/H . Vi/I . Vi/J . Fr/K – 8. Il Monte: Ca/C . Fr/G . Fr/I . Fa/J] – 9. Salentino: Fr/D . Cp/E . Nd/F . Vl/G . Pe/G . Fr/H . Fr/I . Fa/J . Ne/J . Pe/KEc/K – 10. San Benedetto – La Molignana: Fr/D . Fr/I . Fa/J . Ne/K] – 11. San Martino-Ventauro: Ag/E . Vl/F . Vl/I . Fa/H . Ca/I . Nd/J]
– 12. San Marco-Mofetta: Cp/C . Fa/J.

Il processo conoscitivo avviato nel 20156 ha dunque previsto la raccolta delle fonti, la verifica della storiografia locale nonché il recupero e lo studio tipo-cronologico dei reperti recuperati durante i sopralluoghi del 1998, così da riconoscere e circostanziare funzione e datazione dei siti attestati: per ricchezza dei materiali, per dilatazione diacronica delle evidenze e per estensione della superficie interessata spiccano i ‘vassoi topografici’ pluristratificati di Salentino e di San Martino-Ventauro – nei quali emergono i contesti interpretati quali villaggi di facies peucezia –, mentre per quelli di Masseria Capitolo e di Baronaggio sono rilevanti gli insediamenti produttivi di età romana7.

Tra gli argomenti che la ricerca consente di lumeggiare si propone qui la disamina degli ‘aequipondia cretacea’ (CIL, XII, p. 782), valutandone gli aspetti morfo-tettonici e considerando – per quanto possibile, trattandosi di reperti provenienti da raccolte di superficie – la consistenza dei contesti di rinvenimento e delle altre classi di materiale in associazione, in modo da provare a delineare il carattere e la varietà dei tessuti di cui possono contribuire a indiziare la manifattura8.

L’impostazione del corpus di apparati tipologici, decorativi ed epigrafici, benché preliminare, giacché legata a una ricerca appena avviata – e suscettibile di revisioni approfondimenti e ampliamenti estesi all’intero comprensorio apulo, almeno centrale –, nondimeno intende contribuire all’analisi tassonomica degli elementi fittili per la tessitura censiti e così arricchire la conoscenza sulle modalità operative e sui connessi strumenti di lavoro e apprestamenti tecnici necessari per la produzione tessile nonché sul ruolo che questa attività ha svolto nel novero dell’area italica sud-orientale in età antica (figg. 3-4)9.

Acquaviva delle Fonti, pesi da telaio fittili: campionatura dei tipi.
 Fig. 3. Acquaviva delle Fonti, pesi da telaio fittili:
campionatura dei tipi.
Acquaviva delle Fonti, pesi da telaio fittili: campionatura delle decorazioni.
 Fig. 4. Acquaviva delle Fonti, pesi da telaio fittili:
campionatura delle decorazioni.

L’importante ruolo che la produzione tessile ha ricoperto nello specifico distretto considerato rinviene dal consistente numero di elementi fittili per la tessitura (197 pesi, cui si aggiunga una fusaiola di età romana: fig. 3.13) raccolti nelle indagini summenzionate e attestanti il 6% del totale dei materiali ivi acquisiti (3176 frammenti).La verifica quantitativa della distribuzione topografica dei reperti registra netta concentrazione nei siti peucezi di San Martino-Ventauro e di Conetto (fig. 5), per i quali dunque si rivela l’ipotesi di una più intensa attività manifatturiero-tessile concentrata tra iv e II secolo a.C., anche se pure per il successivo arco cronologico, compreso tra III e VII secolo d.C., si annoverano otto pesi da telaio di forma circolare ricavati evidentemente da tegole e coppi (fig. 3.11).

Acquaviva delle Fonti, pesi da telaio fittili: stesa esemplificativa (1) e immagini satellitari delle località Conetto (2) e San Martino-Ventauro (3), recanti la densità distributiva degli ‘aequipondia cretacea’ registrata nei rispettivi ‘areali topografici’.
 Fig. 5. Acquaviva delle Fonti, pesi da telaio fittili: stesa esemplificativa (1) e immagini satellitari delle località Conetto (2) e San Martino-Ventauro (3), recanti la densità distributiva degli ‘aequipondia cretacea’ registrata nei rispettivi ‘areali topografici’.

Si è ritenuto di operare l’analisi degli aspetti formali e strutturali applicando il ‘diagramma di Zingg’ agli individui integri (108 sul totale di 197)10: ponendo sul piano cartesiano alle ordinate i risultati della divisione tra peso e altezza (P/A) e alle ascisse gli esiti della divisione tra larghezza e peso (L/P) di ogni esemplare si ottiene una dispersione coerente e controllata di punti (a ogni punto corrisponde un individuo) che si aggruma secondo campi distinti, capaci di racchiudere e suddividere i pesi da telaio in tre ‘macro-categorie’ dimensionali di tipo piccolo, medio, grande (fig. 6). La lettura della dispersione descritta dal grafico e il confronto diretto con i materiali studiati hanno permesso di assegnare ogni peso da telaio a uno dei tre clusters indicati. Per ogni gruppo di pesi definito è probabile venisse utilizzato un filo dell’ordito di diverso spessore dal quale si sarebbero ricavati, a seconda delle necessità, tessuti di consistenza differente11. Conviene peraltro notare che tutti i siti ricogniti nel territorio acquavivese, in riferimento all’età tardoclassica-ellenistica, hanno restituito elementi fittili pertinenti alle tre ‘macro-categorie’ individuate, a significare plausibilmente l’attestazione diffusa di una manifattura di tipo domestico versata sulle esigenze di nuclei famigliari e dunque su produzioni diversificate a consumo interno (cfr. supra, nota 8).

Acquaviva delle Fonti, pesi da telaio fittili: clusters isolati applicando la variante del ‘diagramma di Zingg’.
 Fig. 6. Acquaviva delle Fonti, pesi da telaio fittili:
clusters isolati applicando la variante del ‘diagramma di Zingg’.

Il vaglio dei caratteri morfologici consente sia di isolare quattro macro-forme – troncopiramidale, troncoconica, circolare, ‘complessa’: a quest’ultima categoria vanno ascritti due pesi da telaio, rinvenuti a San Martino-Ventauro, del tipo ‘pinched(figg. 3.12, 7.1) e a base pentagonale (fig. 3.9)12 – sia di individuare tredici tipi, al fine così di imbastire un paniere di dati potenzialmente suscettibili di differenziazione in base alla specificità d’uso e alla cronologia degli utensili considerati (fig. 3).

Per quanto concerne l’apparato decorativo, realizzato mediante impressioni e/o applicazioni in fase di realizzazione ovvero attraverso incisioni operate dopo la cottura13, sono stati identificati quarantacinque motivi (fig. 4). In rari casi la figurazione è eseguita tramite sigilli/bolli che riportano stilemi iconografici di profilo naturalistico e/o antropomorfo attinti al topico repertorio noto anche per gemme e cammei, talora attestato pure localmente: interessanti, in tal senso, gli esemplari ornati con la menade danzante14 (figg. 4.9, 7.2-3) e con l’aquila retrospiciente15 (figg. 4.27, 7.4).

Acquaviva delle Fonti, pesi da telaio fittili: esemplari di tipo ‘pinched’, da San Martino-Ventauro (1), e di forma troncopiramidale, recanti decorazioni impresse con raffigurazione di una menade danzante, da Conetto (2-3), e di un’aquila retrospiciente, da San Martino-Ventauro (4).
 Fig. 7. Acquaviva delle Fonti, pesi da telaio fittili:
esemplari di tipo ‘pinched’, da San Martino-Ventauro (1),
e di forma troncopiramidale, recanti decorazioni impresse con raffigurazione di una menade danzante, da Conetto (2-3),
e di un’aquila retrospiciente, da San Martino-Ventauro (4).

La variegata classificazione di forme e di decorazioni suggerisce ambiti funzionali e delinea ambienti artigianali diversificati, dei quali comunque appare arduo, allo stato attuale, arguire entità e consistenza della produzione16.

L’apparato decorativo – comprese le segnature, anche non alfabetiche – può aver assunto funzione pratica oltre che esornativa, garantendo infatti alle addette al telaio17 l’indicazione del punto dell’ordito da cui iniziare a imbastire le variazioni preordinate, tra cui forse poteva manifestarsi la figurazione medesima richiamata verosimilmente dal motivo riportato su uno o più dei pesi usati18. L’adozione di questo sistema evitava la necessità di contare dall’inizio i fili dell’ordito, specialmente nei casi in cui lo schema decorativo previsto recepisse figure geometriche ripetute: tuttavia non sembrano emergere relazioni sostanziali tra decorazione e forma, poiché si presume fosse privilegiata la utilità strumentale rispetto all’esigenza estetica19.

Inoltre, pur considerando che la maggior parte dei tessuti prodotti derivasse dalla lana – la fibra animale più comune e abbastanza facilmente reperibile nell’area considerata –, non è da escludere che fossero utilizzate altre fibre, di origine vegetale, scarsamente documentate archeologicamente in Italia meridionale per l’età preromana e romana, ma delle quali abbiamo di certo notizia dalle fonti letterarie20: lino, canapa, ortica, malva, ginestra, sparto21. È infatti plausibile che la foggia caratteristica degli elementi fittili per la tessitura fosse strettamente correlata al tipo di fibra adoperata e alla varietà di tessuto confezionato: invero la loro funzione primaria di contrappeso – come è noto – passa in secondo piano in altri ambiti della vita quotidiana, quando i pesi da telaio siano associati ai corredi funerari e inseriti nei depositi votivi, ampiamente attestati nel comparto meridionale della penisola italiana22.

La lacunosità dei dati, lo stato preliminare dello studio e la mancanza di solide ricerche calibrate su questo tema per la Puglia centrale – in un orizzonte esteso all’Italia meridionale in età antica – non permettono di chiarire tutti gli aspetti dell’attività tessile testimoniata per il comparto qui esaminato, eppure le informazioni acquisite delineano prospettive di sicuro interesse che il prosieguo delle indagini potrà sostenere e arricchire23.

Bibliografia

  • Antolini, S. e Marengo, S.M. (2012): “Scrivere i pesi da telaio. La documentazione dell’Italia romana”, Sylloge Epigraphica Barcinonensis, 10, 149-168.
  • Attianese, P. (2005): Kroton. Le monete di bronzo, Soveria Mannelli.
  • Busana, M. S. e Basso, P., ed. (2012): La lana nella Cisalpina Romana: economia e società. Studi in onore di Stefania Pesavento Mattioli, Atti del Convegno, Padova-Verona, 18-20 maggio 2011, Antenor Quaderni 27, Padova.
  • Busana, M.S., Gleba, M., Meo, F. e Tricomi, A.R., ed. (2018): Textiles and dyes in the Mediterranean economy society, Proceedings of the 6th International Symposium on Textiles and Dyes in the Ancient Mediterranean World, Padova-Este-Altino, Italy, 17-20 October 2016, Purpureae Vestes. Textiles and Dyes in Antiquity 6, Saragoza.
  • Busto, A. (1998): Studio urbanistico di disaggregazione delle aree extraurbane. Le aree di interesse archeologico, Comune di Acquaviva delle Fonti. Dattiloscritto conservato presso l’Ufficio Tecnico del Comune di Acquaviva delle Fonti, s.n.c.
  • Busto, A., ed. (2005): Archeoviva. Siti archeologici di Acquaviva delle Fonti, Modugno.
  • Busto, A. (2017): “Il Museo Archeologico di Acquaviva delle Fonti”, Acquaviva, 2, 25-32.
  • Carroccio, B. (2010): Come Zeus: aquila, fulmine e cornucopia segni del potere nelle monete ellenistiche, in: Tyrannis, Basileia, Imperium. Forme, prassi e simboli del potere politico nel mondo greco e romano, Atti delle Giornate Seminariali in Onore di S. Nerina Consolo Langher, Messina, 17-19 dicembre 2007, Pelorias 18, Messina, 363-374.
  • Ciancio, A. (2005): I fili della meraviglia. L’abbigliamento di Greci e Apuli tra funzionalità e comunicazione, Catalogo della mostra, Gioia del Colle, Museo Nazionale Archeologico, Castello Svevo, 2 aprile-30 novembre 2004, Itinerari 4, Bari.
  • Ciancio, A., De Juliis, E.M., Riccardi, A. e Rossi, F. (1989): “Monte Sannace. Gli scavi dell’acropoli (1978-1983)”, Università di Lecce, Dipartimento di Scienze dell’Antichità, settore storico-archeologico 3, Galatina.
  • Di Giuseppe, H. (1995): “I pesi da telaio. Appendice 1”, in: Armento. Archeologia di un centro indigeno, Bollettino di Archeologia 35-36, Roma, 141-149.
  • Di Giuseppe, H. (2000): “Tessuto, archeologia del”, in: Dizionario di archeologia. Temi, concetti e metodi, Manuali Laterza 127, Roma-Bari, 339-349.
  • Di Giuseppe, H. (2002): “I tessuti e la tessitura: aspetti storici della produzione nell’Europa e nel bacino del Mediterraneo”, in: Il mondo dell’archeologia. II, Roma, 921-928.
  • Di Giuseppe, H. (2012): “Lanifici e strumenti della produzione nell’Italia centro-meridionale”, in: Busana & Basso, ed. 2012, 479-496.
  • Di Vita, A. (1956): “Sui pesi da telaio. Una nota”, ArchClass,8, 40-44.
  • Ferrandini Troisi, F. (1986): “Pesi da telaio. Segni e interpretazioni”, in: Decima Miscellanea greca e romana, Studi pubblicati dall’Istituto Italiano per la Storia Antica 36, Roma, 91-114.
  • Fioriello, C.S. (2018): Progetto Acquaviva. Dalle fonti archeologiche al paesaggio storico. Relazione storico-archeologica–Rapporto Preliminare. Dattiloscritto consegnato al Comune di Acquaviva delle Fonti in data 19.05.2018 e conservato presso l’Ufficio Tecnico, s.n.c.
  • Fioriello, C.S. (c.s.): Acquaviva delle Fonti. Archeologia e territorio, Bibliotheca Archaeologica 60, Bari.
  • Fioriello, C.S., e Mangiatordi, A. (2019): “Aspetti delle produzioni agrosilvopastorali nella Puglia di età romana”, in: Fioriello & Tassaux, ed. 2019, 149-181.
  • Fioriello, C.S., Minervini, I. e Pellegrino, M. (c.s.): “Archeologia dei paesaggi e gestione del territorio: due casi di studio nella Puglia centrale”, in: Roma e il mondo adriatico (IV-I sec. a.C.). Dalla ricerca archeologica alla pianificazione del territorio, Macerata, Polo Universitario ‘Maffeo Pantaleoni’, 18-20 maggio 2017, Roma.
  • Fioriello, C.S., e Tassaux, F., ed. (2019): I paesaggi costieri dell’Adriatico tra Antichità e Altomedioevo, Atti della Tavola Rotonda di Bari, 22-23 maggio 2017, Scripta Antiqua 119-AdriAtlas 2, Bordeaux.
  • Gagetti, E. (2001): “Due anelli da vecchi scavi e l’iconografia glittica dell’“anello dell’adozione”. Una nota”, in: Il modello romano in Cisalpinia. Problemi di tecnologia, artigianato e arte, Flos Italiae-Documenti di archeologia della Cisalpina Romana 1, Firenze, 129-150.
  • Gleba, M. (2008): Textile production in pre-Roman Italy, Ancient Textile Series 4, Oxford.
  • Guarneri, F. (2006): “La donna custode dell’oikos”, in: Russo Tagliente 2006, 119-146.
  • Jongman, W. (2000): “Wool and textile industry of Roman Italy: a working hypothesis”, in: Mercati permanenti e mercati periodici nel mondo romano, Capri, 13-15 ottobre 1997, Pragmateiai 2, Bari, 187-197.
  • Lo Porto, F.G. (1988-1989): “Metaponto (Matera). Rinvenimenti nella città antica e nel suo retroterra ellenizzato”, NSA, 8.42-43, 299-441.
  • Luberto, M.R. e Meo, F. (2017): “Textile production along the Ionian coast of Calabria during the archaic period: the case of Kaulonia”, in: Contextualising textile production in Italy in the 1st millennium BC, Origini. Preistoria e Protostoria delle Civiltà Antiche 40, Roma, 227-242.
  • Lucarelli, A. (1968): La Puglia nel secolo XIX con particolare riferimento alla città di Acquaviva delle Fonti in Terra di Bari, Bari.
  • Maaskant-Kleibrink, M. (2003): Dalla lana all’acqua. Culto e identità nel santuario di Atena a Lagaria, Francavilla Marittima (zona di Sibari, Calabria), Rossano.
  • Maaskant-Kleibrink, M. (2017): Excavations at Francavilla Marittima 1991-2004. Finds related to textile production from the Timpone della Motta. Volume 6. Loom weights, BAR Int. Series 2848, Oxford.
  • Manacorda, D. (2008): Lezioni di archeologia, Roma-Bari.
  • Marcato, C. (1990): “Acquaviva delle Fonti”, in: Dizionario di Toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, 7.
  • Mårtensson, L. (2007): “Investigating the Function of Mediterranean Bronze Age Textile Tool Using Wool and Flax Fibres”, Experimentelle Archäologie in Europa. Bilanz 2007, 6,97-106.
  • Mårtensson, L., Andersson, E., Norsch, M. L. e Batzer, A. (2005-2006): “Thecnical Report. Experimental Archaeology. Part 1”, in: Tools and Textiles-Text and Contexts Research Program [on line] https://ctr.hum.ku.dk/research-programmes-and-projects/previous-programmes-and-projects/tools/technical_report_1_experimental_archaeology.pdf [consultato il 28 gennaio 2020].
  • Mårtensson, L., Andersson, E., Norsch, M. L. e Batzer, A. (2006): “Thecnical Report. Experimental Archaeology. Part 2.2, Whorl or bead?”, in: Tools and Textiles-Text and Contexts Research Program, [on line] https://ctr.hum.ku.dk/research-programmes-and-projects/previous-programmes-and-projects/tools/technical_report_2-2__experimental_arcaheology.pdf [consultato il 28 gennaio 2020].
  • Mårtensson, L., Andersson, E., Norsch, M. L. e Batzer, A. (2007): “Thecnical Report. Experimental Archaeology. Part 3, Loom weights”, in: Tools and Textiles-Text and Contexts Research Program, [on line] https://ctr.hum.ku.dk/research-programmes-and-projects/previous-programmes-and-projects/tools/technical_report_3__experimental_archaeology.pdf [consultato il 28 gennaio 2020].
  • Mårtensson, L., Andersson, E., Norsch, M. L. e Batzer, A. (2009): Shape of things: understanding a loom weights, OJA,28.4, 373-398.
  • Meo, F. (2011): “Rediscovering ancient activities: textile tools in a 3rd–2rd century B.C. context from Herakleia (Southern Basilicata, Italy)”, Archeological Textile Newsletter,53, 2-11.
  • Meo, F. (2012): “Attestazioni archeologiche di attività laniera ad Eraclea di Lucania tra III e II secolo a.C. Nota preliminare”, in: ΑΜΦΙ ΣΙΡΙΟΣ ΡΟΑΣ. Nuove ricerche su Eraclea e la Siritide, Venosa, 259-271.
  • Meo, F. (2015): L’attività tessile a Herakleia di Lucania tra III e I secolo a.C., Fecit te 7, Roma.
  • Minervini, I. (2015-2016): Dinamiche insediative nel territorio di Acquaviva delle Fonti in età antica, tesi di laurea triennale, università degli studi di Bari Aldo Moro.
  • Mingazzini, P. (1974): “Sull’uso e sullo scopo dei pesi da telaio”, RAL, 8.29.5-6, 201-220.
  • Mussi, M. e Zampetti, D. (1992): “Ciottoli decorati, ciottoli utilizzati: problemi di forma e di misura”, in: Atti della XXVIII Riunione Scientifica dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria ‘L’arte in Italia dal Paleolitico all’età del Bronzo’, Firenze, 20-22 novembre 1989, Firenze, 159-168.
  • Orlandini, P. (1953): “Scopo e significato dei cosiddetti pesi da telaio”, RAL, 8.8, 441-444.
  • Parisi, V. (2017): I depositi votivi negli spazi del rito. Analisi dei contesti per un’archeologia della pratica cultuale nel mondo siceliota e magnogreco, Archeologia Classica. Supplementi e Monografie. Nuova Serie 11, Roma.
  • Riccardi, A. e Depalo, M.R. (2003): “Documenti ed immagini di una comunità del IV secolo a.C.”,in: Gli antichi Peucezi a Bitonto. Documenti ed immagini dalla necropoli di via Traiana, Catalogo del Museo Archeologico della Fondazione De Palo-Ungaro. I, Le Mostre, i Cataloghi 6, Bari, 89-110.
  • Russo Tagliente, A. (2006): Con il fuso e la conocchia. La fattoria lucana di Montemurro e l’edilizia domestica nel IV secolo a.C., Potenza.
  • Saggese, D. (2018): “Commercio di lane e vie di transumanza nella Puglia centro-settentrionale in età romana”, in: Fioriello & Tassaux, ed. 2019, 321-332.
  • Selvaggi, G. (1975): Monumenti di interesse storico ed artistico di Acquaviva delle Fonti, Cassano Murge.
  • Tunzi Sisto, A.M. (1998): Pesi fittili da Adelfia. Dalla protostoria all’età classica. Tipologia di forme e decorazioni, Martina Franca.
  • Volpe, G. (2008): “Per una ‘archeologia globale dei paesaggi’ della Daunia. Tra archeologia, metodologia e politica dei beni culturali”, in: Storia e archeologia della Daunia. In ricordo di Marina Mazzei, Atti delle Giornate di Studio, Foggia, 19-21 maggio 2005, Insulae Diomedeae 8, Bari, 447-462.
  • Volpe, G. (2015): Patrimonio al futuro. Un manifesto per i beni culturali e il paesaggio, Milano.
  • Volpe, G. (2016): Un patrimonio italiano. Beni culturali, paesaggio e cittadini, Novara.
  • Volpe, G. e Goffredo, R. (2014): “La pietra e il ponte. Alcune considerazioni sull’archeologia globale dei paesaggi”, Archeologia Medievale, 41, 39-53.
  • Zingg, Th. (1935): “Beitrag zur Schotteranalyse”, Schweizerische Mineralogische und Petrographische Mitteilungen, 15, 39-140.
  • Zirioni, S. [1990] (2019): Acquaviva Sacra e Antica. Chiese rurali, corti, borghi e casali nel territorio di Acquaviva delle Fonti, Studi e Ricerche V [rist. anast. dell’ed. orig. data in Cassano delle Murge], Acquaviva delle Fonti.


Notes

  1. Busto 1998; Id. 2017.
  2. Lucarelli 1968; Selvaggi 1975; Marcato 1990; Zirioni [1990] 2019.
  3. Busto 1998; Busto, ed. 2005; Fioriello 2018; Fioriello et al. c.s.; Fioriello c.s.
  4. Il Comune di Acquaviva delle Fonti e il Dipartimento di Studi Umanistici (DISUM) dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro hanno voluto avviare un articolato programma euristico e diagnostico, misurato sulla conoscenza storico-archeologica e sulla connessa promozione del territorio comunale e disegnato secondo il ‘progetto di collaborazione per la ricerca’ che l’Ente Locale ha rassegnato all’Ateneo barese (prot. 17.02.2014 nr. 3692) e che da quest’ultimo è stato formalmente approvato (prot. 13.05.2014 nr. 327): Fioriello 2018; Id. c.s.
  5. Per un inquadramento sull’argomento, filtrato qui in ottica regionale, ma calato nella prospettiva ‘globale’ e nella veste ‘culturale’ dell’archeologia pubblica, Volpe 2008; Volpe & Goffredo 2014, 39-53; Volpe 2015; Id. 2016; Fioriello c.s.
  6. Minervini 2015-2016; Fioriello 2018; Id. c.s.; Fioriello et al. c.s.
  7. La consistenza disomogenea della documentazione disponibile ha peraltro evidenziato la necessità di inquadrare le informazioni entro una matrice logica capace di standardizzare in forma redazionale il contenuto storico delle notizie attinte, senza negarne l’intrinseca gerarchia nel potenziale conoscitivo, la diversa capacità indicativa e la distinta affidabilità: su discernimento, disaggregazione, ricomposizione e interpretazione preliminare dei dati si rinvia ai contributi proposti nella nota precedente.
  8. Riferimenti qui assunti sono i lavori proposti in Di Giuseppe 2000; Ead. 2002; Ciancio 2005; Russo Tagliente 2006; Gleba 2008; Busana & Basso, ed. 2012; Meo 2015, 5-29; Busana et al., ed. 2018, donde si può cogliere altresì una sintesi sul complicato processo identificativo della consistenza e della funzione attribuite ai cosiddetti ‘pyramidia argillacea’ entro il vasto bacino dell’instrumentum domesticum (e talora inscriptum). Utili ora Antolini & Marengo 2012, 149-152, ma anche Manacorda 2008, 74-75, 269, nt. 4, fig. 4.2, dove la vexata quaestio assume valore epidittico anche sul mero versante del metodo e della didattica in archeologia, e Jongman 2000, che per l’Italia di età romana chiarisce la forte caratterizzazione in chiave specialistica e nucleata dell’intera filiera fittile, rimarcandone invece la parcellizzazione territoriale e la diffusione locale invalse nel periodo precedente, come appare bene dall’exemplum acquavivese.
  9. In generale, dall’intervento stentoreo di Di Vita 1956 – che ‘corregge’ la posizione di Orlandini 1953 –, fino a Di Giuseppe 2002; Ead. 2012; Maaskant-Kleibrink 2003; Ead. 2017: si veda pure la nota precedente.
  10. Nel 1935, T. Zingg approntò questo sistema per calcolare la distribuzione delle forme fondamentali dei clasti presenti nelle rocce, suddividendoli in base alla matrice litologica: Zingg 1935. Tale approccio si è rivelato compatibile con le esigenze di comprensione imposte da vasti e ‘indiscreti’ insiemi di dati spesso occorsi in campo archeologico: tra le prime applicazioni si rimanda a Mussi & Zampetti 1992.
  11. Per il rapporto stretto tra telaio, filo dell’ordito, contrappesi e tessuto prodotto si rinvia alle recenti ricerche condotte presso il Centre for Texile Research della Danish National Research Foundation e dall’Università di Copenhagen: utile resoconto in Mårtensson 2007; Mårtensson et al. 2005-2006; Iid. 2006; Iid. 2007; Iid. 2009; Meo 2015, 18-29.
  12. Confronti, in ambito comprensoriale, rispettivamente in Lo Porto 1988-1989, 401-402; Meo 2015, 70 e in Luberto & Meo 2017, 235, con ulteriore bibliografia.
  13. Tunzi Sisto 1998; Meo 2015. Per l’età romana, Antolini & Marengo 2012 e i contributi raccolti in Busana & Basso, ed. 2012.
  14. Ciancio et al. 1989, 71, 198, tavv. 287.2, 356.5.
  15. Alla luce dei dati in nostro possesso, il tema iconografico dell’aquila retrospiciente non trova confronti sui pesi da telaio nonostante risulti ampiamente attestato, soprattutto in alcune serie monetali, come quelle di Crotone (Attianese 2005, 369), e nella produzione glittica (Gagetti 2001, 144-146): per il rapporto tra raffigurazione dell’aquila e culto di Zeus si veda Carroccio 2010, 373.
  16. Busto 1998; Id. 2005; Fioriello 2018.
  17. La centralità della donna nei processi produttivi legati al mondo della filatura/orditura/tessitura è ben nota in primis dalle numerose raffigurazioni, soprattutto di età classica e segnatamente di ambito greco, che la vedono impegnata nelle varie fasi di lavorazione dei tessuti: Di Giuseppe 1995; Guarneri 2006; Meo 2011; Id. 2015, 5-29. A supporto dell’evidenza di tale condizione della donna lanifica soccorrono le fonti letterarie e il rinvenimento, in sepolture femminili, di oggetti legati alla sfera della tessitura: Ciancio et al. 1989; Maaskant-Kleibrink 2003; Ead. 2017; Riccardi & Depalo 2003; Ciancio 2005; Guarneri 2006.
  18. Ciancio et al. 1989, 71, 97, 198; Di Giuseppe 1995. Da notare che Ferrandini Troisi 1986, 92-93 interpreta le lettere, singole o in coppia, quale numerazione dei fili d’ordito usata per agevolare la tessitura indicando “il filo esatto dal quale fare iniziare il lavoro” nel caso di tessuti con disegni o filati o colori diversi, quindi ritiene il peso come un contrassegno di fabbrica volto a identificare la stoffa: così pure Mingazzini 1974. Dati ulteriori e riflessioni mirate, ancorché aduse al mondo romano e al patrimonio epigrafico, in Antolini & Marengo 2012, con discussione e bibliografia; Jongman 2000.
  19. Di Giuseppe 1995; Ead. 2002; Meo 2011; Id. 2015.
  20. Meo 2015, 6-11; Busana et al., ed. 2018: utili i contributi raccolti da Ciancio 2005.
  21. Quest’ultima assai usata nella produzione di corde: Gleba 2008, 71.
  22. Per un excursus esemplificativo si vedano Ciancio 2005; Guarneri 2006, 139; Parisi 2017, 49-51, 55, 57-60, 74, 76, 82-84, 90, 94, 98, 105, 113, 118, 143-144, 149, 164, 200-201, 238, 247-248, 251-252, 266-267, 326, 343, 355, 383, 405, 458, 460.
  23. Ciancio 2005; Fioriello & Mangiatordi 2019, 149-153, con discussione e bibliografia; Saggese 2019.
ISBN html : 978-2-35613-407-3
PRIMALUNA_8
Posté le 30/07/2021
EAN html : 9782356134073
ISBN html : 978-2-35613-407-3
Publié le 30/07/2021
ISBN livre papier : 978-2-35613-409-7
ISBN pdf : 978-2-35613-408-0
ISSN : 2741-1818
12 p.
Code CLIL : 4117 ; 3385
DOI : 10.46608/primaluna8.9782356134073.20
licence CC by SA

Comment citer

Fioriello, Custode Silvio, Capurso, Sergio, De Sio, Matteo (2021) : “Manufatti fittili e indicatori per la tessitura dal territorio di Acquaviva delle Fonti”, in : Rigato, Daniela, Mongardi, Manuela, Vitelli Casella, Mattia, a cura di Adriatlas 4. Produzioni artigianali in area adriatica: manufatti, ateliers e attori (III sec. a.C. – V sec. d.C.), Pessac, Ausonius éditions, collection PrimaLun@ 8, 2021, 343-354, [En ligne] https://una-editions.fr/manufatti-fittili-indicatori-tessitura-territorio-di-acquaviva-delle-fonti/ [consulté le 6 juillet 2021].

Au téléchargement

Contenu(s) additionnel(s) :

Illustration de couverture • Particolare della stele del faber P. Longidienus, Museo Nazionale di Ravenna. DOI
Retour haut de page
Aller au contenu principal